Loading

IL PROGRAMMA

Programma

Ore 10.00 – 00.00 Loggiato della Provincia  – Piazza Italia – Perugia

MOSTRA MERCATO SOUQ

Il Loggiato del Palazzo della Provincia e della Prefettura ospita per i tre giorni del Festival i prodotti del Mediterraneo: enogastronomia, artigianato, musica, libri, verranno presentati in un mercato ispirato ai “Souq” arabi dove odori, colori, profumi, sapori, maestranze si mescolano per esemplificare l’assunto base del pensiero secondo cui, la libera circolazione delle merci,  agevola la libera circolazione del pensiero e delle ide, promuovendo a sua volta la libera circolazione delle persone.

Ad aggiungere suggestione alla mostra mercato ci saranno i reading a cura della Libreria Mannaggia e l’esposizione delle opere d’arte realizzate dagli appartenenti alle comunità straniere in Umbria: pittura, installazioni, fotografie prodotte per lanciare messaggi di pace e di promozione sociale della diversità culturale. L’area bimbi sarà animata da veri e propri appassionati del gioco per grandi e piccini. Durante le ore pomeridiane si terranno performance e attività ricreative atte a promuovere l’interazione e la commistione tra tradizioni e culture afferenti l’area mediterranea.

Ore 10.30 – Sala Falcone Borsellino – Provincia di Perugia – Piazza Italia

Open Space Technology Progetto “Donne in MED(i)Azione per una pace duratura”

Format di esercitazione e approfondimento nell’ambito del progetto “Donne in MED(i)Azione per una pace duratura” co-finanziato dal Ministero per gli Affari Esteri e la Cooperazione Internazionale e realizzato in partenariato con il Dipartimento di Filosofia, Scienze Sociali, Umane e della Formazione dell’Università degli Studi di Perugia. Le 30 beneficiarie del corso di formazione in Mediazione dei conflitti della classe di Perugia si riuniranno in una seduta pubblica insieme ai docenti per riflettere ed elaborare proposte operative elaborate poi nell’Instant Report, documento ufficiale da consegnare ai referenti istituzionali.

Saranno presenti come coach anche Raffaele Federici, docente Sociologia Generale dell’Università degli Studi di Perugia, Piero Dominici, docente di Sociologia dei processi culturali e comunicativi dell’Università degli Studi di Perugia, Barbara Pilati, referente immigrazione ARCI Perugia, Mario Pietramala, strumenti e tecniche di comunicazione efficace, Silvio Nocera, Ufficio Stampa FIDEM Festival, Gemma Zaganelli, Ph.D. arte contemporanea, Maria Caterina Pezzi, Esperta in psicologia dell’emergenza, Manuela Vena, Coach leader.

Ore 17.30  – Sala Partecipazioni – Palazzo Cesaroni – Piazza Italia

Consegna dell’Istant Report alle autorità politiche ed Istituzionali

Cerimonia pubblica di consegna del lavoro svolto durante l’Open Space Technology dove FIDEM, come organizzazione della società civile, diventa cerniera di congiunzione e media di trasmissione delle istanze dei vecchi e nuovi cittadini presso le istituzioni e le autorità.

Tra gli ospiti: On. Donatella Porzi, Presidente Assemblea Legislativa Regione Umbria, Andrea Jengo, Direttore RAI Umbria Toscana, Urbano Barelli, Vicesindaco Città di Perugia, Stefania Proietti, Sindaco Città di Assisi, Maria Caterina Federici, coordinatore scientifico progetto “Donne in MED(i)Azione per una Pace Duratura”, Uliano Conti, ricercatore di Sociologia Generale dell’Università degli Studi di Perugia, Simona Lanzellotto, ricercatrice Università degli Studi di Perugia, Elisa De Meo, animatrice del progetto Gibberish – Yoga della Risata, quale strumento di mediazione, Manuela Vena, Presidente Associazione Culturale FIDEM.

Ore 21.00 – 00.00 Giardini Carducci – Perugia

Concerto di apertura di FIDEM 2018

Perusna Trio – Eclettico trio perugino con sonorità che viaggiano dal jazz al blues, dalla musica afrocubana all’hip-hop

Les Triplettes –  Tra motivetti scanzonati, melodie dimenticate, vecchi swing impolverati…

Jam Session – L’energia di vari artisti perugini in un delirio musicale creativo e imprevisto

Ore 10.00 – 00.00 Loggiato della Provincia – Piazza Italia – Perugia

MOSTRA MERCATO SOUQ

Il Loggiato del Palazzo della Provincia e della Prefettura ospita per i tre giorni del Festival i prodotti del Mediterraneo: enogastronomia, artigianato, musica, libri, verranno presentati in un mercato ispirato ai “Souq” arabi dove odori, colori, profumi, sapori, maestranze si mescolano per esemplificare l’assunto base del pensiero secondo cui, la libera circolazione delle merci, agevola la libera circolazione del pensiero e delle ide, promuovendo a sua volta la libera circolazione delle persone.
Ad aggiungere suggestione alla mostra mercato ci saranno i reading a cura della Libreria Mannaggia e l’esposizione delle opere d’arte realizzate dagli appartenenti alle comunità straniere in Umbria: pittura, installazioni, fotografie prodotte per lanciare messaggi di pace e di promozione sociale della diversità culturale. L’area bimbi sarà animata da veri e propri appassionati del gioco per grandi e piccini. Durante le ore pomeridiane si terranno performance e attività ricreative atte a promuovere l’interazione e la commistione tra tradizioni e culture afferenti l’area mediterranea.

Ore 11.00 – Palazzo Cesaroni –  Piazza Italia – Perugia

“La promozione dei diritti umani a livello locale e regionale. La mediazione dei conflitti interculturali e la trasformazione dei conflitti sociali quali strumenti propedeutici alla formazione della nuova cittadinanza”.

“Dove iniziano i diritti umani universali? In piccoli posti vicino casa, così vicini e così piccoli che essi non possono essere visti su nessuna mappa del mondo. Ma essi sono il mondo di ogni singola persona; il quartiere dove si vive, la scuola frequentata, la fabbrica, fattoria o ufficio dove si lavora. Questi sono i posti in cui ogni uomo, donna o bambino cercano uguale giustizia, uguali opportunità, eguale dignità senza discriminazioni”. (Hannah Arendt, 27 marzo 1958, In Your Hands). A 70 anni dalla redazione della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani e all’indomani dell’approvazione del Manuale sui diritti umani, raccolta di buone pratiche di facile utilizzazione per le autorità locali e regionali, si fa il punto su dove siamo arrivati e sul tanto che c’è ancora da fare in tema di diritti umani.

Tra gli ospiti, Fabrizio Petri, Presidente Comitato Interministeriale Diritti Umani, Laura Guercio, Segretario Generale Comitato Interministeriale Diritti Umani, Catiuscia Marini, Presidente Regione Umbria, Raffaele Cannizzaro, Prefetto di Perugia, Urbano Barelli, Vice-Sindaco di Perugia, Carmelo Danisi, referente progetto SOGICA, Pino Sassano, Scrittore e animatore culturale, Elisa De Meo, referente progetto Gibberish – Yoga della Risata, Manuela Vena, Presidente Associazione Culturale FIDEM.

Ore 16.00  – Giardini Carducci – Piazza Italia

Reading Mediterraneo da sfogliare

Conduce Pino Sassano – Mondadori Cosenza

Presentazione dei libri

“L’Identità moderna e le sue origini” di Ozgen Kolasil

Questo libro muove dall’idea che esista una interconnessione fra le culture delle varie civiltà e che non vi è nessun concetto che possa vivere isolatamente. Così, la storia del mondo si lega alla storia delle idee, generando intrecci ancora oggi non del tutto esplorati. In questa direzione, va inquadrato e letto il grande fenomeno del passaggio dal politeismo al monoteismo, inteso come passaggio da mondi culturali aperti a mondi culturali rigidamente chiusi e autoreferenziali. 

“Le rose di Agbogbloshie” di Laura Guercio                           

Lontane migliaia di chilometri l’una dall’altra Accra e Londra sono unite da otto bambini che vivono ad Agbogbloshie, sobborgo della capitale ghanese dove sorge la più grande discarica africana di rifiuti elettronici e tecnologici. Le loro storie si uniscono a quella della Dott.ssa Miller, tra loro per studiare le conseguenze dell’inquinamento sulla salute di chi ci vive, e a quella di Nigel Tornton, giornalista che, scoperta questa realtà, comincia a mettere in discussione sicurezze e convinzioni di sempre.

Ore 18.30 – Giardini Carducci – Piazza Italia

FIDEM con ARCI GAY OMPHALOS Welcoming della marcia per i diritti LGBTI del Perugia Pride 2018 con interventi dal palco

Lavorare affinché i diritti siano estesi a tutti in un percorso di democrazia e partecipazione che si rinnova sono i principi cui si ispira la nostra azione. FIDEM sostiene l’iniziativa di Omphalos Perugia e si pone al suo fianco ospitando i rappresentanti del progetto SOGICA (Sexual Orientation and Gender Identity Claims for Asylum) condotto dall’Università del Sussex.

Ore 20.30/24.00- Giardini Carducci – Piazza Italia

La Compagnia delle Indie – Folk italian music

Officina Popolare – musica popolare e sonorità mediterranee

Paolo doesn’t play with us – Duo folk-rock da Bologna tutto al femminile  – Giardini Carducci – Perugia

The blues against youth – Country rock primitive one man experiment – Giardini Carducci – Perugia

Ore 10.00 – 00.00 Loggiato della Provincia – Piazza Italia – Perugia

MOSTRA MERCATO SOUQ

Il Loggiato del Palazzo della Provincia e della Prefettura ospita per i tre giorni del Festival i prodotti del Mediterraneo: enogastronomia, artigianato, musica, libri, verranno presentati in un mercato ispirato ai “Souq” arabi dove odori, colori, profumi, sapori, maestranze si mescolano per esemplificare l’assunto base del pensiero secondo cui, la libera circolazione delle merci, agevola la libera circolazione del pensiero e delle ide, promuovendo a sua volta la libera circolazione delle persone.
Ad aggiungere suggestione alla mostra mercato ci saranno i reading a cura della Libreria Mannaggia e l’esposizione delle opere d’arte realizzate dagli appartenenti alle comunità straniere in Umbria: pittura, installazioni, fotografie prodotte per lanciare messaggi di pace e di promozione sociale della diversità culturale. L’area bimbi sarà animata da veri e propri appassionati del gioco per grandi e piccini. Durante le ore pomeridiane si terranno performance e attività ricreative atte a promuovere l’interazione e la commistione tra tradizioni e culture afferenti l’area mediterranea.

Ore 17.30 – Loggiato della Provincia – Piazza Italia

“Patrimoni culturali e immateriali: la tutela della diversità tra Calabria e Umbria”  

Memoria, accoglienza, identità, patrimonio culturale sono le carte che Umbria e Calabria possono usare per costruire il loro futuro a partire dal tesoro del proprio passato: Etruschi, Greci, rivitalizzazione e tutela della tradizioni e della cultura costituiscono la cifra contenutistica su cui costruire un nuovo Made in Italy, fondato sulla dimensione estesa della filoxenia, attraverso gli strumenti messi a punti dall’UNESCO per la tutela dei patrimoni artistici e di quelli immateriali. Nel quadro di pratiche e patrimoni da tutelare, Calabria e Umbria possono collaborare a un modello da seguire affinché ciò che è stato a Palmi con la Varia può essere da esempio a Gubbio.

Tra gli ospiti: Augusto Ancillotti, Assessore alla Cultura del Comune di Gubbio, Patrizia Nardi, già Assessore alla Cultura di Reggio Calabria e responsabile tecnico-scientifico progetto UNESCO Rete delle Grandi Macchine a spalla Italiane, Maria Olimpia Squillaci, ricercatrice e animatrice del progetto “Se mi parli vivo, Silvio Nocera, Associazione Culturale FIDEM.

Ore 19.00 Giardini Carducci – Piazza Italia – Perugia

B Keidù  Contaminazioni di hip hop, afro music, elettronica, soul rock.