Loading

IL MANIFESTO

L’Associazione Culturale FIDEM si allinea all’impegno della Cooperazione Italiana in relazione alle diverse priorità tematiche tra cui “Governance, diritto e lotta alle disuguaglianze” e sollecita gli interventi di capacity building a favore di istituzioni pubblici, singoli e comunità nell’attuazioni delle convenzioni internazionali.

L’Associazione Culturale FIDEM ribadisce la centralità della governance nella tutela dei Diritti Umani facendo propria la definizione che di questa è data nell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile:“La nozione di buon governo è complessa: comprende risorse, istituzioni e meccanismi differenziati attraverso i quali i gruppi sociali e gli individui articolano i loro interessi, interagiscono ed esercitano i loro diritti e obblighi legittimati dallo Stato. Il rafforzamento del buon governo e della democrazia richiede il sostegno diretto alle istituzioni nazionali e locali, a reti sociali o d’interesse, ai sistemi di protezione sociale, ai sindacati, alle Organizzazioni della Società Civile e a quanti danno voce ai diversi soggetti sociali nei Paesi partner”.

L’Associazione Culturale FIDEM si impegna a sollecitare l’opinione pubblica sulle questioni pur controverse dell’Agenda Mediterranea, al fine di esercitare la consapevolezza della “vicinanza” tra territori così prossimi da non poter prescindere da un’interazione che vogliamo sia quanto più propositiva possibile anche grazie al nuovo paradigma digitale quale pattern di comprensione della realtà che ci si propone alla stregua di una nuova “Rivoluzione Industriale”.

Il Festival delle Idee Euro-Mediterranee (FIDEM FESTIVAL) è una manifestazione a forte vocazione istituzionale ideata per celebrare il 21 marzo Giornata Internazionale del Mediterraneo proclamata nel 2009 dall’Assemblea Parlamentare Euro-Mediterranea (APM), organismo sovrannazionale che riunisce i parlamenti di 27 Paesi che individua nelle organizzazioni della Società Civile l’interlocutore privilegiato per promuovere l’Identità Mediterranea comune ai territori che compongono il Bacino Euro-Mediterraneo.

Il FIDEM FESTIVAL nasce per raccontare le sfaccettature della Regione Mediterranea e le sfide che la attendono costituendosi come crocevia di culture in un anelito contemporaneo che non prescinda dalle radici comuni tra territori la cui continuità è rafforzata dalle peculiarità localistiche che ne sostanziano l’humus.

Il FIDEM FESTIVAL esemplifica l’importanza della comunicazione costante tra Istituzioni e Società Civile in materia di argomenti dal valore universale ribadendo l’assunto di Aldo Capitini secondo il quale “la pace è una questione troppo importante per essere lasciata nelle mani dei soli governanti”.

Il FIDEM FESTIVAL fa propria la filosofia di Francesco D’Assisi e ne ribadisce l’importanza quale messaggero ed ambasciatore della pace in oriente e figura rivoluzionaria della Chiesa Cristiana al fine di suscitare emulazione verso gli atteggiamenti “anticonformisti” in una latitudine storica che si contraddistingue per le numerose istanze di odio raziale, paura del diverso e chiusura delle frontiere.

Il FIDEM FESTIVAL in ogni sua edizione prende le mosse dalle linee guida europee ed ONU per presentare al grande pubblico una panoramica sugli accadimenti di carattere internazionale e le rispettive ricadute sul contesto locale al fine di favorire la responsabilizzazione e la pratica di una coscienze critica e partecipe.

Il FIDEM FESTIVAL è la vetrina pubblica ove presentare le acquisizioni dell’Officina delle Idee Euro-Mediterranea, una piattaforma digitale che palesa a livello virtuale quell’Area di Libero Scambio (enunciata dal 1995 negli accordi per il partenariato Euro-Mediterraneo ma mai realizzata) che si coniuga allo sviluppo della capacità competitiva dei Paesi terzi del Mediterraneo (PTM) non solo ad un livello prettamente commerciale, quanto piuttosto ad un livello socio-culturale come scambio propositivo di buone pratiche, collaborazione a progetti vocati alla diffusione della cultura delle pari opportunità, della libertà di culto, del rispetto dei diritti della persona e delle minoranze.

Il FIDEM FESTIVAL sostanzia il fermento che anima quel Cantiere Mediterraneo che coincide con il perimetro di collaborazioni e partenariati che si spende nella costruzione di ponti tra una riva e l’altra del Mare Nostrum – in un’accezione quanto più ampia e mai nazionalista – affinché torni ad essere un elemento di unione tra genti che condividono radici comuni che, pur palesandosi in substrati culturali dalle forme diversificate, sono molto più vicine di quanto le ideologie e le moderne dietrologie vogliano palesare.